venerdì 20 marzo 2020

Opera

Dietro all'insistenza (di cambiare colori) e alla resistenza (contro il mio amato nero) io a volte cedo.
Ma mi è inevitabile pensare al fatto che per quanto sia importante apparire, ciò resti invariabilmente non sostanziale rispetto all'essere. In fondo si può fingere di essere ciò che si desidera, l'esserlo davvero è tutt'altro affare.
Io non rifletto nessuna lunghezza d'onda, io le assimilo tutte e questo non dipende da una mia volontà razionale nè tantomeno emotiva.
O forse la mia precedente Opera ha già svolto la propria funzione e ora mi trovo al principio di una nuova, nello stato disgregato, notturno, abbandonico e confusionale di Nigredo.

Old Roman Chant: Terra Tremuit

venerdì 6 marzo 2020

Riflessioni

Nel pieno di questa emergenza sanitaria avverto, per ragioni che chi mi legge conosce, tutta la precarietà del vivere. 
Penso a chi amo, alle persone amiche. Prego affinchè ne usciamo tutti senza ulteriore sofferenza e magari rafforzati nella comprensione di cosa sia degno di essere vissuto e cosa no.


mercoledì 4 marzo 2020

Chiamale, se vuoi, Suggestioni

Io devo fare programmi. Mi è necessario.
Solo se mi ritrovo con un'idea ben definita di cosa siano le mie priorità, anche banali, sul futuro, siano esse riguardanti una sola giornata o i prossimi vent'anni, avviene una Sincronicità, la Coincidenza Significativa che rovina tutto e mi proietta dall'altra parte del possibile.
Un esercizio di attenzione; un'intuizione sul Significato di una banalità che rimandi da tanto; una pagina che si apre casualmente proprio sul termine che cerchi. E' vero: si può arrivare al Centro da qualsiasi parte della Circonferenza.
Forse è ora di tornare a fare le cose seriamente.
Tu chiamale, se vuoi, Suggestioni.


 ♫ Cabaret Nocturne : Blind Trust

lunedì 24 febbraio 2020

The Truth

Lascio a voi superiori la verità, io mi accontento dei dubbi.


 ♫ NIN : Terrible Lie

lunedì 17 febbraio 2020

Aderenza alla Realtà

Ci sono cose che perdi.
E cose che pensi di avere perso e che in realtà non hai mai avuto.
La differenza deve essere chiara.


♫ Litfiba : Fata Morgana

lunedì 20 gennaio 2020

Once in a Lifetime

Il treno che passa una volta sola nella vita sono io.
Sei tu che leggi.
Non c'è nessun treno da prendere, nessuna persona che ti salva, nessuna possibilità da mancare.

Perchè sei tu stesso a essere la tua unica, grande possibilità.


lunedì 13 gennaio 2020

Abilità di Rispondere

«Una delle caratteristiche del gentiluomo vecchio stampo, in opposizione al gregge degli uomini moderni, grezzi e indifferenti, è il saper riconoscere il legame profondo con il sentiero cui il Fato lo ha destinato e il non sottrarsi alle responsabilità estetiche scaturite dalle proprie decisioni. Per quanto possa essere incapace e poco giudizioso, confido che non mi comporterò mai in maniera antiartistica o ineducata. »
— H.P. Lovecraft, “L'età adulta è l'inferno“


Come ho già avuto modo di spiegare in passato, "Responsabilità" significa "abilità di rispondere". Agli altri, ma anche e soprattutto a noi stessi.


(Nyarlathotep - Una mia vecchia illustrazione per HP Lovecraft)

giovedì 26 dicembre 2019

La visita reumatologica, il morto e la tubercolosi

Poco prima di partire:
-Sei pronta?
-Sì, tira fuori il morto dall'armadio.
-No, il morto no.
-E con cosa pensi che debba uscire?
-Con un giubbino?
-Sì, così è la volta che mi devi inumare. Su, il morto è il cappotto più caldo che ho.

Dal reumatologo: (Eternamente ringrazio il mio reumatologo che ti riceve pure il 26 di dicembre)
-Non c'è niente.
-Meno male, così almeno sto tranquilla. Ma le lastre servivano anche per scongiurare la possibilità di avere contratto cose come la tubercolosi?
-Eh, sì, contando che prendete farmaci pericolosi.
-Però avrebbe fatto molto Traviata. 

Saluti, Grazie Infinite e si torna a casa. 
Ecco, la mia maledizione è che gli stati d'animo mi scolpiscono la faccia. La mia faccia, la faccio io, e davvero come diceva Camus: Après un certain âge, tout homme est responsable de son visage. Il mio oggi sta molto meglio. 

martedì 26 novembre 2019

La Piena

Stanotte, "in quella fettaccia di terra grassa che sta tra il Po e la via Emilia, dove galleggiano sogni e fantasmi", è attesa l'onda di piena del Grande Fiume.
Qua se ne veglia l'arrivo con il senso del Sacro che c'è per ogni elemento capace di dare la vita, così come la morte.